Spal – Napoli 2-3

IL NAPOLI BATTE UN ALTRO PRIMATO: 6 VITTORIE CONSECUTIVE E 18 RISULTATI UTILI DALLA FINE DELLA SCORSA STAGIONE EPPURE…

Il Napolisconfigge anche la Spal ed ottiene sei successi consecutivi in campionato, stabilendo un altro primato della storia azzurra. Non era mai successo prima, così come non succedeva da quasi 30 anni , ovvero dal 1988/89, di conquistare 18 risultati consecutivi, che gli azzurri hanno messo in fila dalla fine della scorsa stagione e l’inizio di questa.

Maurizio Sarri ha effettuato a Ferrara un opportuno e necessario turn over, facendo riposare Allan –protagonista assoluto nel match contro la Lazio–  Maggio e Jorginho.

La squadra azzurra, impegnata in tre competizioni importanti – quali il Campionato, la Champions League e la Coppa Italia-  di fatto sarà chiamata ad esibirsi sui campi di gioco italiani ed europei, più volte nel corso delle settimane che si succederanno fino al termine della stagione, se la compagine partenopea riuscirà a percorrere, fino in fondo, il percorso delle Coppe.

SARRI EFFETTUA UN TURNOVER OPPORTUNO

E’ chiaro che –per ottemperare ad un calendario impegnativo che contempla gare difficili- un squadra con notevoli ambizioni deve provvedere ad una necessaria rotazioni dei giocatori della rosa.

Contemporaneamente, si devono anche impiegare i giovani e prospettici calciatori azzurri e Sarri sta provvedendo –nel migliore dei modi possibile- a valorizzare sempre più i giocatori che la Società gli ha affidato, oltre a gestire molto bene l’intero gruppo a sua disposizione.

CRITICHE A MAREK HAMSIK

Qualche critica è stata effettuata al tecnico toscano per l’impiego di un Marek  Hamsik molto lontano dalla condizione psicofisica che ,negli scorsi anni, ha permesso al capitano di effettuare grandi prestazioni.

Sarri, nonostante la forma attuale del centrocampista slovacco, continua ad impiegarlo dal primo minuto di gioco, per poi sostituirlo durante i secondi tempi. I motivi di questo insistere sono due:

-Il grande  valore tecnico di un calciatore che può essere decisivo in ogni frangente dei match disputati,

-Come dichiarato dal tecnico azzurro, anche per il notevole ne determinante contributo che Hamsik potrà dare alla squadra in futuro.

CRITICHE IMPIETOSE A PEPE REINA

Le critiche più impietose riguardano quelle rivolte a Pepe Reina, non impeccabile in alcune occasione in cui gli avversari di turno hanno creato pericoli alla porta difesa dal portiere azzurro o realizzato goal.

Fermo restando che il mercato è chiuso e  che a gennaio sarebbe controproducente comprare un altro portiere perché, in tal caso, si andrebbe ad intaccare una chimica di squadra che sta offrendo straordinarie prestazioni da inizio stagione, le critiche contribuiscono solo a rendere sempre più insicuro un portiere che avrebbe bisogno di incoraggiamenti e non altro.

Reina, inoltre, essendo un leader indiscusso di questo Napoli, è affettivamente seguito da tutti i suoi compagni e, per il gioco che fa esprimere Sarri, il contributo che offre ed il suo carisma sono necessari per ottenere gli obiettivi prefissati.

BISOGNA RICONOSCERE IL GRAN PERCORSO CHE STA EFFETTUANDO IL NAPOLI

Infine, una compagine che ottiene sei vittorie convincenti in questo inizio di campionato e 18 risultati consecutivi, che gli azzurri hanno messo in fila dalla fine della scorsa stagione e l’inizio di questa, merita solo applausi e non critiche, anche e soprattutto perché questi successi sono accompagnati da un gioco altamente spettacolare in grado di deliziare i palati fini degli amanti di questo sport sia in Italia che in Europa.

Vincenzo Vitiello per EuropaCalcio.it

http://www.europacalcio.it/il-napoli-merita-solo-applausi-critiche-a-reina-dannose-ed-impietose-154780

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome