INSIGNE ANCORA IN PANCHINA?

Con il dovuto  rispetto per le scelte che farà Gian Piero Ventura in vista del match di ritorno contro la Svezia, gara  valida per l’accesso alla fase finale dei Mondiali di Russia 2018, probabilmente la Nazionale italiana si presenterà, domani al Meazza di Milano, con una formazione titolare in cui potrebbe mancare ancora una volta uno dei calciatori più in forma del campionato di serie  A, tale Lorenzo Insigne.

UTILITA’ DI INSIGNE IN UN MATCH DECISIVO PER LA QUALIFICAZIONE AI MONDIALI

L’attaccante del Napoli dovrà forse accomodarsi in panchina. Insigne è un talento ed una risorsa del calcio Italiano e non si riesce a comprendere come si possa fare a meno di un calciatore che ha una classe cristallina. Riesce con le sue prestazioni, comprensive di giocate decisive in fase di attacco, di precisi assist per i compagni di gioco, di repentini ripiegamenti per aiutare i reparti arretrati, di continui collegamenti tra il centrocampo e l’attacco e di tante altre componenti di gioco, ad essere decisivo in molte gare in cui si richiedono tali doti ai calciatori.

GRANDE PERDITA PER IL CALCIO ITALIANO SE GLI UOMINI DI VENTURA NON CONSEGUIRANNO L’OBIETTIVO RUSSIA 2018

In una partita per il calcio italiano decisiva onde scongiurare il pericolo dovuto ad una eventuale non partecipazione ai Mondiali, esclusione che comporterebbe grandi perdite economiche e di immagine -nel caso gli uomini di Ventura  non dovessero conseguire il pass per la Russia domani sera-  è incomprensibile che non si utilizzi un talentuoso giocatore apprezzato anche in Europa.

Moduli, schemi ed altro dovrebbero tener conto di coloro che sono attualmente più in forma e che potrebbero decidere in positivo le sorti della Nazionale.

L’ESPERIENZA IN SVEZIA NON E’ SERVITA A FAR RICREDERE VENTURA

Non porterebbe alcun beneficio utilizzare a gara in corso –in caso di necessità- Insigne in un ruolo che non gli appartiene alla stregua di quanto è a accaduto nella gara di andata in Svezia, allorchè Ventura ha pensato di sostituire un deludente Verratti con l’attaccante del Napoli.

Forse sarebbe più utile riconsegnare a Lorenzo il suo ruolo naturale e modificare il centrocampo con l’inserimento di Jorginho utilizzando il modulo 4-3-3 più adatto a ribaltare il risultato di andata e centrare una qualificazione importantissima per il calcio italiano.

SKY RIPORTA:

La Svezia – come riporta sul suo sito ufficiale il giornalista di Sky, Gianluca Di Marzio- è l’ultimo ostacolo verso il Mondiale in Russia per l’Italia.

Ventura è pronto ad affrontare domani sera a San Siro la Svezia con qualche cambio nell’11 titolare. Si va verso la conferma del 3-5-2 con possibile tandem d’attacco Gabbiadini-Immobile e Jorginho con Florenzi novità nel mezzo. Si profila dunque un ritorno al passato con la coppia d’attacco Immobile Gabbiadini già vista ai tempi dell’Under 21.

Questa la probabile formazione – provata oggi nell’allenamento a porte chiuse da Ventura – che si giocherà domani sera a San Siro l’approdo ai Mondiali:

(3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Candreva, Parolo, Jorginho, Florenzi, Darmian; Immobile, Gabbiadini

Vincenzo Vitiello per EuropaCalcio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome