NA CANZUNCELLA DOCE DOCE

Concerto di Francesco Cocco

In una cornice di pubblico delle grandi occasioni, si è tenuto ieri sera al Teatro Italia di Acerra, il concerto di Francesco Cocco. Il bravo e talentuoso artista napoletano, coadiuvato da un quintetto di maestri all’altezza dell’evento, ha dato sfoggio non solo di ottime doti canore ma anche di una apprezzabile presenza scenica che lo ha aiutato ad instaurare da subito un buon feeling con il pubblico.

L’artista ha aperto il concerto con “Io te vurria vasà” di Russo – Di Capua, classicissimo e famosissimo brano dell’antologia musicale napoletana. Sono seguiti altri classici famosi come “o surdato nnammurato”, “Vierno”, “Voce ‘e notte”. L’unica deroga, alla carrellata di classici, Cocco la fa omaggiando la Nuova Compagnia di Canto Popolare, cantando “Sotto il velo del cielo”, che il noto gruppo partenopeo presentò a Sanremo nel ’98.

Tra gli artisti omaggiati, oltre alla citata NCCP, non potevano mancare figure importanti come Carosone e Totò. Di qest’ultimo, Cocco ripropone ben due brani, l’intramontabile “Malafemmena” e “Carmè Carmè”.

Il concerto si chiude con una dedica particolare alla città che ha dato i natali alla maschera di Pulcinella ovvero Acerra, con il brano “A città e pullecenella”. Tra il tripudio generale e la richiesta assordante di bis, l’artista si è concesso con un ultimo bravo, particolarmente vivace e scenicamente dirompente come “A tammurriata nera”.

Vanno citati gli ottimi arrangiamenti e la eccelsa qualità dei maestri che hanno accompagnato la fatica dell’artista partenopeo. Alessio Sica alle percussioni, Simone De Simone al basso,  Ruocco al violino, Emanuele Nerino al pianoforte e alla fisarmonica e l’acerrano Gaetano Brucci alla chitarra hanno saputo accompagnare Cocco con estrema professionalità e garbatezza.

Un plauso anche al maestro Crispo che, con il suo corpo di ballo, ha dato un contributo non di poco conto alla riuscita della serata.

di Antonio e Miriam Girardi

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome