Napoli:teatro Bracco con troppo napoletano# Mario Occhiobuono photos

Dopo il successo cinematografico del film “Troppo napoletano”, il primo lungometraggio prodotto da Alessandro Siani e Cattleya.

Tutto pronto al Teatro Bracco di Napoli per la “prima” di “Troppo Napoletano”, la commedia di Natale scelta dalla direttrice Caterina De Santis per far ridere di gusto l’affezionato pubblico della storica sala della Pignasecca.

Debora, affascinante napoletana verace, dopo la morte del marito, cantante neomelodico, si preoccupa del figlio Ciro, scugnizzo complessato, tanto da portarlo dal timido psicologo Tommaso. Quest’ultimo si rende conto che i problemi di Ciro sono dovuti alle sue inquietudini amorose per la piccola Ludovica: tra Tommaso invaghito di Debora e Ciro che insegue Ludovica si crea una sottile complicità, dove ognuno dei due aiuta l’altro a coronare i suoi sogni.

Una storia semplice che racconta le differenze che ci possono essere nella stessa città tra due zone meravigliose: il Rione Sanità e il quartiere di Posillipo. Sarà proprio l’amore tra uno scugnizzo e una posillipina a far emergere i contrasti, ma soprattutto le tradizioni, le speranze ed i sentimenti che hanno lo stesso sapore per chi è nato a Napoli. Con questo carico di emozioni, Troppo Napoletano  a teatro con Gigi&Ross  Gennaro Guazzo e Nicoletta D’Addio Giorgia Agata Luigi Attrice Alessandro Bolide Nicoletta D’Addio Cristiano Di Maio Ivan Fedele Gennaro di biase

Napoli:teatro Bracco con troppo napoletano# Mario Occhiobuono photos

protagonista, a trascinare il pubblico dal cinema alle tavole del palcoscenico e con la partecipazione straordinaria di Valentina Stella.

La regia è affidata a Gianluca Ansanelli; scritto da Gianluca Ansanelli con la collaborazione ai testi di Ciro Villano; le scene di Roberto Crea; le coreografie di Orilio e Farruggio; le musiche scritte da Bosnia e Gallo e il gentile contributo di Bruno Lanza; la video grafica di Luca Auletta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.