’Scudetto? Per voi esiste solo lo Scudetto, ma esiste anche la soddisfazione di esprimere quello che altri invidiano. Non banalizziamo sempre tutto, basta un incidente per perdere. Bastano gli infortuni.
Guardate quante altre squadre che non hanno fortuna. Anche la nostra squadra di medici è fondamentale, se stanno con noi è perché si trovano bene. Mi ricordo quando ci criticavano tutti, l’italiano in genere è lamentoso”
Queste le parole di Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, come riportato da sport.sky.it, riguardanti l’avvio dell’attuale stagione agonistica della squadra azzurra.
A tele affermazioni, legittime, del Presidente del club azzurro, non si può rispondere se non con i numeri, le statistiche e ,soprattutto, con la STORIA DEL CALCIO:

Amsterdamsche Football Club Ajax

A livello internazionale è la squadra olandese più titolata ed è uno dei cinque club, insieme con Juventus, Bayern Monaco, Chelsea e Manchesdter United che sono riusciti a vincere tutti e tre le maggiori competizioni di calcio per club
Inoltre, è una delle cinque società calcistiche europee, insieme con Juventus, Bayern Monaco, Chelsea e Manchester United, ad avere vinto almeno una edizione di ogni competizione UEFA ed è riuscita in due occasioni, nel 1972 e nel 1995, a centrare il treble, ad aggiudicarsi cioè nello stesso anno il titolo di campione del proprio Paese, del proprio continente e del mondo. È stata, inoltre, una delle sette squadre europee (insieme a Celtic, PSV, Manchester United, Barcellona, Inter, Bayern Monaco) e la prima olandese a centrare il treble classico (campionato, Coppa nazionale, Coppa dei Campioni/Champions League) nella stagione 1971-72.

Associazione Calcio Milan

È la terza squadra al mondo per numero di titoli internazionali conquistati a pari merito con il Boca Juniorse alle spalle di Real Madrid e A-Ahly. Nella sua bacheca figurano, a livello internazionale, 7 Coppe dei Campioni / Champions League , Coppe de Campioni/Champions League, 2 Coppa delle Coppe, 5 Super coppe europee, 3 Coppe Intercontinentali e una Coppa del Mondo.E’ doveroso ricordare per il tema degli argomenti in questione che il club rossonero ha vissuto anche l’era Sacchi che propose un rivoluzionario 4-4-2  ispirandosi in parte al calcio totale della Nazionale olandese di Johan Cruiff.

…QUESTI SONO SOLO ESEMPI, MA PROSEGUIAMO…

Questi sono esempi riferiti a due club tra i più prestigiosi del Mondo. Imprese che sono e saranno ricordate dall’UNIVERSO calcistico per i trofei vinti, meritevoli di essere ricordati  aver arricchito, anno dopo anno,  il prestigio delle Società che hanno fatto la storia del calcio mondiale.
A vestire le casacche delle due e di altre prestigiose società vi sono stati grandissimi campioni ed il gioco espresso dalle rispettive squadre è stato unico ed innovativo nel mondo del pallone.

PERCHE’ SI RICORDANO AJAX, MILAN, INTER, JUVENTUS ED ALTRI TOP CLUB?

Ajax e Milan, assieme a Juventus, Real Madrid Barcellona, Porto, Mancester City ed Ubnited oltre agli altri Top Club, sono e saranno ricordati, non per il gioco che hanno espresso nei vari campionati e nel corso di varie ere calcistiche, ma per i TROFEI VINTI.
Altro Pianeta calcistico si dirà, altra storia, altre possibilità dovute a sponsor di prestigio internazionale, a grandi fatturati, marcheting ed altro: motivazioni valide ed incontrovertibili, ma resta la considerazione che il gioco espresso dalle squadre –con un grande palmares- è ricordato solo dagli addetti ai lavori e da qualche amante del calcio.
Ajax, Milan, Inter, Juventus, PSV, Manchester United, Manchester City, Celtic, Barcellona, Chelsea, Inter, Bayern Monaco, Santos ed altre nuove realtà che si sono affacciate da poco nel panorama calcistico europeo hanno costruito la loro storia con TITOLI E NON CON IL GRANDE GIOCO ESPRESSO.

VERONA, ROMA, FIORENTINA, NAPOLI, GENOA E TORINO SONO LA CONTROPROVA

Una controprova? L’Hellas Verona è ancora ricordato per lo Scudetto vinto nel 1984-1985. La squadra di Osvaldo Bagnoli, che si aggiudicò meritatamente il trofeo nazionale, ha una discreta considerazione per lo Scudetto conquistato.
Anche altre compagini che hanno vinto alcuni Scudetti, quali Roma, Fiorentina, Napoli ecc, riscuotono ancora notevoli considerazioni in virtù dei trofei conquistati, ad eccezione del Napoli che ha un valore aggiunto per aver avuto in squadra il più grande giocatore di tutte le ere calcistiche: Diego Armando Maradona.
Il grande Torino ed il Genoa hanno contribuito a scrivere pagine importanti di calcio, non per il gioco espresso, ma per ben altro.

GLI INFORTUNI NON FANNO VINCERE UNO SCUDETTO?

‘’Bastano gli infortuni’’ asserisce De Laurentiis per eventuali non vincite di uno Scudetto. Una risposta possibile sarebbe quella di ricordare al Presidente, che club ambiziosi e con un obiettivo ben preciso, non sono così sprovveduti da non tenere in debita considerazione questo inconveniente che potrebbe fermarli nella corsa verso i loro traguardi.

IL POPOLO NAPOLETANO RINGRAZIA DE LAURENTIIS, MA  SOGNA LE BANALITA’ A CUI SI RIFERISCE IL PRESIDENTE

Il popolo napoletano vive un meraviglioso momento per le imprese del Napoli e per il grande gioco fatto esprimere dal tecnico Maurizio Sarri ai suoi calciatori.
Spera, ma non pretende titoli che forse non sono ancora alla portata della società per diversificati motivi, ma non ammette le giustificazioni di rito, espresse da De Laurentiis, sempre improntate su discorsi che con il calcio non hanno nulla a che fare oltre ad non accettare di essere definito come una tifoseria che mette al primo posto le banalitàe non la grande passione per il Napoli o il desiderio di vincere uno Scudetto che manca da ben ventisette anni.

Forse e –comunque- bisogna rispettare anche e soprattutto il parere di coloro che hanno il Napoli nel cuore da molti anni prima dell’arrivo del Patron all’ombra del Vesuvio: in molti vorrebbero sognare le BANALITA’ definite da Aurelio De Laurentiis.

Concludendo, forse, il presidente poteva evitare di rilasciare alcune affermazione e/o pensieri personali, in particolar modo,  in questo MAGICO momento che stanno vivendo  il Napoli, Sarri e la tifoseria azzurra.

Vincenzo Vitiello per EuropaCalcio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.