Arbitri

In diretta a  Radio CRC Targato Italia sono intervenuti diversi opinionisti e giornalisti per parlare di alcuni argomenti riguardanti il Napoli, l’eventuale sudditanza psicologica degli arbitri a favore della Juventus, di calciomercato e di altro.

Queste le loro opinioni riportate da Telefutura.it:

Salvini: “Sudditanza verso la Juve? Nel 2018 non esiste”

Matteo Salvini, vice Premier e Ministro dell’Interno: “Io non mi unisco alle coincidenze bianconere, anche perché poteva esserci un rosso, Higuain poteva segnare un rigore, invece di reagire in quella maniera lì. Però è stata nettamente più forte nell’arco dei novanta minuti. In Italia è la più forte, solo il Napoli se la può giocare, altri non li vedo. Non penso, però, a  sudditanze. In passato sì, però adesso ognuno raccoglie quello che semina.   In settimana ho incontrato il presidente dell’associazione italiana Arbitri perché ci sono  300 ragazzi finiti al pronto soccorso durante le partite perché aggrediti. E se questo accade sui campetti di periferia, non è possibile che campioni pagati milioni, diano il pessimo  esempio, andando mento a mento, testa a testa, faccia a faccia con l’arbitro. Higuain pensasse  a segnare rigori, recuperare palloni   invece che fare quelle cose lì ”.

De Magistris: “Convenzione?  Siamo vicini alla firma. Sudditanza? Ci sono errori che avvantaggiano sempre la stessa squadra”

Luigi  De Magistris, sindaco di Napoli: “  Io non ho incontrato De Laurentiis. Là c’erano tante persone, ci siamo stretti la mano e siamo stati insieme quando abbiamo accolto le autorità parigine, ma io non ho incontro col presidente su questioni riguardanti lo stadio da molti mesi.  So che stanno lavorando bene l’assessore Borriello e il capo di gabinetto Auricchio . Mi dicono che siamo ad un passo dalla firma della convenzione. Io sono del parere che si stia per firmare, ma consentitemi di essere più cauto rispetto agli altri, perché non è la prima volta che siamo stati ad un passo dalla firma, perché quelle erano le condizioni,  e poi senza alcun motivo non si è più firmato.

Mi auguro che nei prossimi giorni si possa arrivare alla firma della convenzione  e questo  sarebbe un passo importante che rasserena anche tensioni forti , ingiustificate e veramente eccessive che ci sono state nei mesi scorsi. Io davvero me lo auguro e la direttiva che ho dato ai miei collaboratori è stata quella che lo stadio, la città, il Napoli, tutto questo viene sempre prima di ogni tensione anche quando subiamo attacchi completamente ingiustificati.  Arbitri? Senza fare polemiche è evidente che  ci sono state e purtroppo ci sono ancora evidenti discriminazioni.

Questo non fa bene al calcio. Come non fa bene al calcio l’inquinamento finanziario ed economico,le infiltrazioni della criminalità organizzata, di cui tanto si è parlato in questi giorni . Approfitto visto che in questi giorni i giornalisti sono sotto attacchi di una politica allergica alla critica la solidarietà al giornalista della Rai che ha subito minacce per il servizio  fatto a Report sulle infiltrazioni della ‘ndragheta nella curva della Juve.

Tutto questo fa male, come fa male quando è palese che un arbitro e accade spesso verso la stessa squadra o verso anche alcune società  che ci sia un atteggiamento di maggiore benevolenza. Prima finiscono queste cose, prima vince lo sport.  Poi bisogna vincere sul campo”.

Chiariello: “Insigne può diventare il  simbolo del calcio italiano e della nazionale”

Umberto Chiariello per il suo” Editoradio”: “Quello che oggi mi ha molto colpito è l’intervista ad Insigne, in cui dice che l’arrivo di Ancelotti è  quasi in ritardo  rispetto a quanto si potesse aspettare lui per la sua carriera. Dice che è maturato e che ha sempre sognato di giocare vicino la porta, che ama  molto quel ruolo e che da ragazzino lì giocava, da 10 vero. È una intuizione che può portare Lorenzo a vertici internazionali mai visti.

Il Napoli cerca top player. Si parla sempre della mancanza di top palyer, ma forse quelli fatti in casa vengono sempre poco considerati.  Noi il top player in realtà lo abbiamo, è lui così come  lo è Koulibaly. Sono giocatori ormai di caratura internazionale, di prima fascia. Non capisco perché solo perché un ragazzo di Frattamaggiore bisogna sminuirne il valore? Se nella Nazionale Mancini gli dà  la giusta considerazione e ruolo, magari riportandolo più  a sinistra, ma comunque molto vicino alla porta, con il socio Ciro Immobile e Chiesa, io vedo un tridente italiano di grande spessore.

Lui può diventare il leader del calcio italiano e della nazionale. Mi auguro che questa sosta serva per dargli ulteriore appeal internazionale. Il Napoli ha bisogno di mentalità e convinzione e questa viene solo dai grandi scontri  come PSG  e Liverpool che ti fanno capire la statura reale alla quale sei arrivato. Le nazionali possono creare un sacco di problemi come tutti sappiamo, ma portarti quel valore aggiunto che colma il gap di mentalità che c’è”.

Marrucco: “Fossi il Napoli darei in prestito Younes e cercherei una punta centrale”

Fulvio Marrucco, agente Fifa: “Scudetto solo un sogno per il Napoli? Io credo che il Napoli abbia bisogno di una grande punta, ma probabilmente non arriverà. Il mercato di Gennaio sarà caratterizzato dal recupero di tre giocatori: Meret, Ghoulam e Younes. Il Napoli ha molti giocatori, recuperando Verdi e Younes ha un certo affollamento. Io darei in prestito Younes e cercherei una punta centrale o una punta che possa dare una mano per eventuali problematiche in corso, specialmente se passassimo il turno di Champions League.

Lo scudetto è un sogno, dispiace dirlo. Se l’anno scorso non l’ha vinto per varie ragioni, quest’anno resta difficile. Oltre i punti che ha fatto il Napoli e che farà il Napoli, bisogna verificare quelli che farà la Juventus. Al di là dei punti che riuscirà a fare Ancelotti, bisogna vedere se la Juve, riuscirà avere flessioni di un certo livello.

Io credo pochissimo nel mercato di Gennaio. Il Mercato si fa a dicembre, il primo giorno di mercato aperto il nuovo giocatore deve essere a disposizione del giocatore. Credo che il Napoli non abbia tanto tanto bisogno di rinforzarsi. Io non credo che una cessione di Rog e Diawara con l’ingresso di un nuovo giocatore, possa dare forza e qualità al Napoli.

Oggi se andiamo a guardare chi sta venendo meno alle attese è Milik e non si capisce rispetto al giocatore ammirato gli anni passati, perché non sia arrivata l’esplosione di Zielinski ”.

Buscaglia: “Ancelotti fa bene a predicare tranquillità”

Riky Buscaglia, giornalista di Dazn: “Vincere aiuta a vincere. Mettere un trofeo in bacheca aiuta a vincere. Anche in Coppa Italia l’avversario è la Juventus. Io credo che lo Scudetto sia più difficile per la forza della Juve, ma il Napoli è lì e deve essere pronto se i bianconeri lasciano qualcosa per strada. Non dimentichiamo che l’obiettivo principale della Juve è la Champions League, lo ha detto Allegri.

Il campionato si deciderà in primavera come al solito, in cui si capisce cosa succede. Perché poi si vede anche chi è rimasto in Champions e con quali ambizioni.  Parlate di diplomazia e io parlo di strategia. In questo momento il Napoli si toglie pressioni. È vero in questo momento solo la Juve può perdere questo campionato.

Ci sta che si applichi questa strategia e ci sta che Ancelotti che è un mago dica di essere tranquillo. Credo che questa sia anche la strada giusta e penso che tolta la sconfitta di Marassi questa squadra non ha sbagliato niente.

La Juve ha margini, però quella Coppa che ha in testa da tempo e per la quale ha comprato Cristiano Ronaldo, potrebbe far disperdere energie. E se il Napoli resterà attaccato alla finestra potrebbe essere un finale interessante.  È giusto dunque quello che dice Ancelotti”.

Guido Clemente di San Luca:  “Gli arbitri sbagliano e va bene, ma se c’è una successione di errori in maniera preponderante a favore di una sola squadra è giusto porsi un dubbio

Guido Clemente di San Luca, professore dell’Università Vanvitelli: “La sudditanza psicologica è un concetto di ordine psicologico, è una percezione opinabile per definizione. È normale che per De Magistriis ci sia e per Salvini no.

È normale che il Ministro dell’Interno deve  rassicurare la funzionalità del sistema. Chi è il capo  dell’amministrazione locale eletto dal popolo che avverte più fortemente i disagi è evidente che debba dire quello. Il mio libro si chiama “Campionato di Calcio e Stato di Diritto”. Il libro è un collettano che raccoglie l’atto di studio che abbiamo fatto tutti noi professori ordinari dell’’università Vanvitelli a Giugno.

Il mio intervento è intitolato “Discrezionalità tecnica e accertamenti tecnici nelle decisioni di arbitri e VAR” mette al sia l’impianto normativo  sia la sua applicazione con riguardo ad 8 partite della Juventus lo scorso campionato, in cui c’è una dimostrazione  obiettivo delle decisioni illegittime assunte  a favore della Juve.

Quali siano queste decisioni non spetta a noi dirlo, ma ai giudici. Non tocca ad uno studioso rilevare la causa, ma può supporla ed entriamo nella logica della sudditanza. Se tu riscontri che su 100 decisioni 80 sono favorevoli alla Juventus allora ti accorgi che c’è un sospetto non infondato, non peregrino e ti accorgi che il modo in cui avvengono è orientato.

Gli arbitri sbagliano e va bene, ma se c’è una successione di errori in maniera preponderante a favore di una sola squadra è giusto porsi un dubbio. Se ci si pone il dubbio, il giudice potrà indagare. Questa così incostante illeggibilità potrebbe costituire una sorta di notizia criminis.

Noi non abbiamo un giudice amministrativo per le decisioni in campo, perché le decisioni in campo hanno il crisma della contemporaneità . L’unico giudice amministrativo potrebbe essere il Var perché consente di circoscrivere i margini di errore in maniera consistente. Mi chiedo perché quest’anno anziché renderlo più effettivo il nuovo protocollo riduce  la sua capacità di efficacia. Quando poi potrebbe essere il giudice di appello della contemporaneità ”.

Mottola, vice sindaco di Melito: “Centro sportivo? De Laurentiis ha preso tempo, ma il centro si farà”

Luciano Mottola ,vice sindaco di Melito di Napoli: “Non si parla più di centro sportivo a Melito? Come abbiamo più volte detto e ribadito è un’opportunità  ed è al vaglio della SSC Napoli.

Al momento ci risulta essere il progetto privilegiato dalla famiglia De Laurentiis per la costruzione del centro. Nelle ultime settimane mediaticamente c’è stato un rallentamento.  Crono-programma? Problematiche sostanzialmente non ve ne sono.

L’iter amministrativo è stato pressoché ultimata. La questione è passata a De Laurentiis e i proprietari di questi terreni. Noi abbiamo fatto l’individuazione e tutti i passaggi, fermo restando che la concretizzazione dell’opera dipendeva dalla volontà di chi compra e di chi vende.

Stadio San Paolo? Ragionando da tifoso  e appassionato mi verrebbe da pensare che finalmente  si è  arrivati ad una pace seppur formale tra ADL e il sindaco di Napoli. Presumo che l’idea che primeggia è quella di andare avanti col San Paolo e da tifoso mi auguro che sia degno di questo nome”.

Longo:  “Diawara? Potrebbe interessare al Milan”

Daniele Longo, giornalista di Calciomercato.com: “Da quello che ci risulta abbiamo provato a lavorare su questa traccia. Certo Diawara rispetta le caratteristiche che il Milan sta cercando.

Il profilo è sicuramente gradito al Milan. Detto questo intorno a Diawara c’è la voglia di giocare di più, ma il club azzurro difficilmente valuterà l’ipotesi di un prestito. Ci sono stati contatti con la Premier League, ma non credo ci siano grandi possibilità di essere ceduto. Vedremo però se Ancelotti vorrà dargli maggiore continuità.

Il Milan potrebbe essere molto interessato al giocatore. Giuntoli sta monitorando come sempre diverse situazioni in giro per l’Europa, ma credo sia una cosa del mercato estivo.  Mercato di Gennaio può cambiare la classifica? No non credo. 

Milan e Napoli potrebbero essere interessate ad un giocatore come Lobotka che piace sempre più in giro per l’Europa. Leonardo ha contattato gli agenti, ma in Spagna i club di seconda fascia tengono molto alle clausole rescissorie.

Non penso sia fattibile a gennaio come operazione ma a giugno. Credo che Juventus e Napoli non opereranno molto a Gennaio. Un giocatore che può interessare è quello di Tonali. Vedremo se il Napoli la spunterà su Juventus, Roma e Inter. Il Milan risulta un po’ più indietro su di lui”.

Iezzo:  “Milik deve stare tranquillo, ha tutte le qualità per diventare un giocatore importante”

Gennaro Iezzo, ex giocatore del Napoli: “Milik?  Io penso che tutti gli attaccanti passano il periodo che non riescono a segnare. Più  lo cerchi il gol più non riescono a segnare.

Lui è ancora giovane. Non si può fare un paragone con Icardi, che ad oggi è un giocatore importante. Secondo me Milik deve stare solo tranquillo e cercare di metterla dentro. È normale che nelle grandi squadre c’è più concorrenza, ma hai anche un allenatore che ti fa giocare.  Secondo me ha tutte le qualità per diventare un giocatore importante.

Non si può buttare la croce addosso a questo giocatore, che viene da infortuni importanti. Ospina?  Sta facendo bene in quelle poche occasioni in cui è stato chiamato sta facendo bene. A parte le prime partite, oggi dà ampie garanzie.

A me lui piace, dà una mano anche ai difensori. Vale i 4 milioni del riscatto? Il Napoli deve capire che vuole fare in futuro. Bisogna capire se punterà su Meret. Meret  è molto giovane e avere uno come Ospina alle spalle può farlo crescere”.

Gianluca Ciotti: “Gavillucci non è stato premiato abbastanza per aver interrotto la partita tra Sampdoria e Napoli per i cori discriminatori”

Gianluca Ciotti, avvocato dell’arbitro Claudio Gavillucci: “So che è stata presentata un’interrogazione parlamentare sulla questione che rispecchia le stesse argomentazioni nostre sulla mancanza di trasparenza su chi sono gli arbitri che possono arbitrare in serie A. Nuovo regolamento? L’AIA già l’ha fatto sulla sentenza del dottor Mastrocola.

Le nuove norme però non sono state percepite dalla FIGC perché c’era il commissario. Con le vecchie norme la trasparenza era inesistente. Noi abbiamo comparato le classifiche dell’AIA  con quelle dei giornali. Gavillucci non è l’ultimo in queste classifiche. È decimo e o diciassettesimo. Il primo è Rocchi e l’ultimo è Pairetto.   

Noi non chiediamo il posto di Pairetto, ma il reintegro legittimo per quello che ha fatto vedere l’arbitro. Compresa la sospensione di Sampdoria Napoli con un voto che poteva essere migliore.  A Napoli si mormora che sia stato punito per questo? Non è stato punito per questa faccenda, ma non risulta che sia stato adeguatamente premiato.

Se fosse stato premiato avrebbe avuto una votazione maggiore da parte di Rizzoli e con una votazione di 0,10 superiore non sarebbe arrivato ultimo nella classifica AIA.  Gavillucci non è scarso, le classifiche dei giornali non dicono questo.   

Perché non premiato abbastanza? La sentenza Greco è stata emessa dal professore Mastrocola. Noi sono due anni che andiamo al Tribunale Federale e la decisione, con Mastrocola presente, è stata sempre demandata ai vicepresidente ”.

Sopranzi: “Il Napoli con Inglese si è comportato benissimo. È stata una scelta nostra quella di andare via”

Samuele Sopranzi, agente di Roberto Inglese: “Roberto secondo me è un giocatore molto importante e lavora molto per la squadra. I gol sono importanti, ma bisogna anche vedere il lavoro oscuro che fa. È un giocatore che sta migliorando di anno in anno e si vede. Il Chievo senza il ragazzo quest’anno sta soffrendo di più. Inglese e Napoli? Onestamente in questo momento non abbiamo pensato a queste cose.

C’è il contro riscatto del Napoli e il riscatto del Parma. Adesso sta pensando al Parma, perché il Parma deve salvarsi. In questo momento sta pensando solo al Parma Calcio e verso Marzo Aprile penseremo  a queste cose. Inglese al Napoli cosa potrebbe dare?  Onestamente il Napoli sta andando bene. Mertens, Milik e Insigne fanno gol. Inglese fa comodo a tutte le squadre. Inglese può fare bene in qualsiasi squadra.

Il Napoli si è comportato benissimo con il Napoli sia con il Mister che con Giuntoli. Non c’è stato niente di brutto è stato tutto molto bello. Con Milik non brilla Inglese poteva far comodo?  Certo.

Ancelotti sta facendo qualcosa di straordinario, sta facendo giocare tutti e bene. La nostra volontà era quella di giocare 30 partita su 30. È stata una nostra volontà anche se segnare in Champions col Napoli sarebbe stato bello.

Il nostro desiderio principale nel prossimo mercato? Adesso è prematuro, ma un giocatore come Roberto deve fare ogni anno una crescita. Non so se saremo pronti per Napoli, ma il nostro desiderio è sempre quello di fare di più  ”.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.