Sorprende la grande affluenza per le elezioni presidenziali in Guinea, che hanno generato lunghissime file a partire dalle prime luci dell’alba. Un totale di sei milioni di elettori dovrà scegliere tra sette candidati, tra i quali spicca la sfida tra il presidente uscente Alpha Condé e il leader dell’opposizione Cellou Dalein Diallo.

 

Quest’ultimo si è rivolto al fronte dei propri sostenitori nella giornata di ieri (10 ottobre), chiedendo loro di porre fine alle proteste, così da poter prendere parte alle votazioni, che inizialmente Diallo intendeva rinviare, denunciando delle irregolarità. Ecco parte del suo discorso nel corso di una riunione di partito: “Votiamo e difendiamo i nostri voti. Fermate i disordini e trovare la vostra scheda elettorale. Dovete risparmiare le energie, perché non ci faremo rubare questa vittoria“.

 

Intanto la tensione nelle strade non sembra scemare, con i sostenitori del favorito Condé che si sono più volte scontrati con quelli di Diallo nei giorni scorsi, provocando decine di feriti e due morti. Si temono ovviamente atti di violenza nei pressi dei seggi, e per questo sono stati mobilitati ben 19mila agenti. Il loro ruolo sarà fondamentale per evitare il ripetersi degli episodi di violenza che hanno caratterizzato le presidenziali del 2010 e le legislative del 2013.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.